Segui gli Astrofili

Progetto Radio Giove

Osservatorio Astronomico

Fase lunare

SOLE in tempo reale

SDAC

Sistema solare - posizione dei pianeti in tempo reale

Flat field e riduttori di focale PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Leopoldo Marzano   
Sabato 19 Febbraio 2011 01:11

Il Flat Field, letteralmente Campo Piatto, serve in astrofotografia per riprendere un un fotogramma monocromatico che inquadra  la vignettatura e lo sporco del sensore CCD. questo fotogramma verrà poi sottratto ai fotogrammi buoni, per eliminare i difetti indotti dall'ottica e dallo sporco. Mettiamo il caso in cui un granello di polvere sia al centro del sensore CCD, in questo caso, senza Flat Field, si vedrebbe  una macchia scura sovrapposta all'oggetto fotografato, o in caso di riduttori di focale, si vedrebbe l'oggetto come all'interno di un oblò, più chiaro al centro con gli angoli scuri, questa è la vignettatura; più tirato è la riduzione di f/ più vignettatura sarà presente, è anche vero che non è buona norma spingersi a rapporti di f/ piccolissimi, come f/3 o f/4 con sensori CCD o CMOS di grandi dimensioni, come quelli presenti nelle macchine reflex digitali.

Per generare un Flat Field basta illuminare direttamente il tubo con una luce monocromatica uniforme. Per fare questo ci sono prodotti commerciali ad hoc, alcuni usano mettere una maglietta di cotone a chiusura del tubo e puntarci una luce, alcuni si costruiscono delle FlatBox con varie tecniche. Io ho provato col mio televisore a LED di casa. Viste le dimensioni del C11, comprare una FlatBox costerebbe molto e allora perchè non aguzzare l'ingegno e provare? Devo dire che i risultati si son visti.

Come procedere:

Create col vostro pc una semplice immagine jpg bianca, ad esempio con Photoshop un quadrato 2000x2000 pixel. Salvate la foto su una pennetta usb e inseritela nel televisore, metteci a battuta il tele di fronte ed il gioco è fatto...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Riprendete alcuni scatti, questi dovranno essere uguali come fuoco alle foto che avete fatto sul campo, occhio ai tempi perchè trattandosi di un televisore non potete usare tempi troppo corti, altrimenti impressionate il refresh dell'immagine, io ho usato per questa prova 100 iso - 1/8 s.

Ecco i risultati dopo l'eleborazione di bilanciamento del bianco al Photoshop e con l'occasione ho voluto provare i due riduttori che ho, il Baader Alan Gee II f/variabile e il Celestron focal reducer f/6.3.

 

Baader Alan Gee II f/5.6

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Celestron focal reducer f/6.3

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si nota la vignettatura, col centro bianco e gli angoli neri, più marcata nel Baader, dato il rapporto più spinto ma sopratutto si nota lo sporco del sensore CMOS della mia Canon EOS 300D... Le macchioline nere che si vedranno nella foto, se non verrà sottratto il flat field, quindi il lavoro è finito.

A questo punto però ho deciso di pulire il sensore della Canon e il risultato dopo l'operzione è stato questo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

è evidente l'eliminazione della maggior parte delle particelle.

Buon lavoro!

 
SEO by Artio